CRISTALLOTERAPIA – CLASSIFICAZIONE DEI CRISTALLI

  1. Pietre preziose – gemme cristalline e multicolori trasparenti – rubino, zaffiro, smeraldo, diamante
  2. Pietre semi-preziose – gemme multicolori opache – turchesi, agate, malachite
  3. Cristalli di quarzo – quarzo ialino, citrino

Ogni pietra ha una sua caratteristica terapeutica e, quasi sempre, quella che noi scegliamo è adatta in quel momento al nostro stato psicofisico.

I minerali e i cristalli sono da considerarsi “vivi” e, fra le varie terapie alternative, si parla oggi di “cristalloterapia”, basata sui presunti poteri dei cristalli i quali, potenziando la struttura energetica umana, aiuterebbero a superare molti mali dovuti alle disarmonie energetiche dei vari “corpi sottili” di cui è formato il nostro corpo fisico.
Fra le varie terapie naturali, la cristalloterapia è la meno diffusa ma, come tutte le altre, affonda le sue radici nel passato più remoto dell’essere umano.
Fin dai tempi più antichi, infatti, i minerali venivano utilizzati per creare amuleti, portafortuna, oggetti vari a scopo ornamentale, cosa che accade anche oggi seguendo il gusto di una epoca passata o, secondo forme più moderne, con il preciso intento di proteggere la persona che li porta contro i nemici, gli spiriti maligni o il malocchio (e, quindi, nel loro pieno significato magico ed esoterico).

Oltre a ciò i minerali erano anche impiegati contro malattie e disturbi di vario tipo: venivano infatti ridotti in polvere per realizzare pozioni che potevano essere somministrate.
Oggi si tende a posizionare i cristalli su determinate zone del corpo.
Il cristallo, fungendo da collettore di energia, sarebbe in grado di innescare il fenomeno dell’autoguarigione.
La medicina moderna è poco propensa a dare credito alla cristalloterapia.
Questo atteggiamento è più che naturale in quanto questa terapia non ha effettivi riscontri scientifici.
Pietre e cristalli si possono comunque considerare una fonte rigeneratrice.
I Giapponesi, ad esempio, usano le pietre non solo per rendere più belli e accoglienti giardini e case ma anche per favorire la concentrazione e la meditazione find here.
Alcune pietre sono di grande pregio, altre sono particolarmente utili, altre ancora poco conosciute e quindi anche poco valorizzate ma tutte sono ugualmente misteriose.
Fra tutte queste, per ciascuno di noi, vi è una “pietra.”
La scienza che studia le associazioni tra pietre, colori e segni zodiacali è antichissima e già i Caldei, gli Assiri e gli Egiziani parlavano di corrispondenze fra pietre e segni dello Zodiaco e i Faraoni e gli imperatori romani si facevano consigliare dagli astrologi nella scelta delle pietre da indossare.
Oggi si tende a rivalutare questa scienza ma vi sono “divergenze di opinioni” fra gli stessi astrologi.
Alcuni sostengono che bisogna prendere in considerazione la costellazione zodiacale presente al momento del concepimento e non quella della nascita, altri sostengono che bisogna tenere conto prevalentemente dell’ascendente, per altri infine (ed è questo anche il mio modesto parere) nella scelta di quella che sarà la “nostra pietra” è infatti preferibile lasciarsi guidare solamente dall’istinto.
La pietra giusta dovrebbe essere scelta in base al proprio carattere, alla personalità, al colore ed anche alle situazioni contingenti.

Generalmente chi è attratto:

  • dall’acquamarina è introspettivo ed infonde calma.
  • dall’agata è comunicativo, pratico, ed è capace di dare agli altri sicurezza.
  • dall’ambra è di carattere dolce e sensibile, ma non ha ancora una personalità ben definita.
  • dal diamante ama il lusso, la ricchezza, il potere
  • dalla giada è piuttosto pratico e sa superare facilmente le situazioni difficili.
  • dal rubino possiede un discreto equilibrio psicofisico.
  • dallo smeraldo tende alla introspezione e possiede buone capacità di
  • dalla turchese ama la tranquillità e la calma.

Inoltre chi ha preferenza per

  • le pietre bianche. ha carattere intuitivo e creativo, ma è anche sognatore e un pò pigro
  • le pietre gialle ha una personalità dinamica e spesso vuole imporre il proprio punto di vista agli altri
  • le pietre verdi dà grande importanza all’armonia e ai sentimenti
  • le pietre rosse ha un carattere forte e volitivo
  • le pietre azzurre ama la serenità, è disponibile ma anche un pò ingenuo. Aspira ai grandi spazi e agli ideali elevati.
  • le pietre viola ha un carattere tranquillo, meditativo ed è portato all’introspezione.
  • le pietre marroni ha un carattere ordinato e metodico. Teme di lasciarsi sopraffare dai sentimenti.
  • le pietre nere possiede magnetismo e fascino e una personalità inquieta e un pò misteriosa.

Valgono poi alcune regole generali:

è preferibile portare pietre burattate cioè levigate, evitando quelle di colore rosso se si è nervosi ed irritabili, perché si diventerebbe troppo aggressivi, e le perle se si è particolarmente sensibili in quanto si tenderebbe ad immagazzinare tensioni ed angosce.
Altra regola da seguire è quella di non portare mai la pietra zodiacale corrispondente al segno precedente. Insieme alle pietre del proprio segno bisognerebbe inoltre portare anche la pietra complementare che ha l’effetto di mitigare le asprezze e gli eccessi del proprio carattere.

Discussion

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *